Post

L'intervento del prof. Galdi, Presidente della Filellenica Italiana, al primo Festival Internazionale della Rotta di Enea

Immagine
La presenza della Società Filellenica al primo Festival Internazionale della "Rotta di Enea" potrebbe forse sorprendere...  Cosa c'entra Enea con la Grecia? Non vi è dubbio che questa presenza dipenda dal rapporto di condivisione e amicizia con la Prof.ssa Maria Teresa Moccia di Fraia, responsabile campana della "Rotta", ma anche fattivo membro della nostra Associazione. Eppure ciò non sarebbe sufficiente. In realtà esiste una continuità straordinaria fra Grecità e Romanità. Enea, è noto, fu l’eroe della Pietas , cioè di quel sentimento di devozione profonda verso Famiglia, la Civitas , gli Dei, che proprio grazie a Virgilio si pone come modello fondante l'identità dei Romani. Non fu questo un sentimento sconosciuto ai Greci antichi, che nella loro grandezza espressero spesso il  tutto ed il contrario di tutto... Così, potremmo dire che se Achille, nell'Iliade, è mosso più dalla hybris , dalla sete di vendetta per riscattare l'uccisione di Patroclo;

La Grecia nella letteratura francese contemporanea. Le riflessioni della Prof.ssa Maria Alessandra Crescitelli.

Immagine
Prosegue l'iniziativa voluta dalla Società Filellenica Italiana, dalla Società Filellenica Lombarda e dall'Editore ETPbooks di Atene. Nell'ambito del progetto "La Grecità in un click!", questa volta la Prof.ssa Maria Alessandra Crescitelli, probo viro della Filellenica Italiana, ci riferisce di come la letteratura francese contemporanea affronta il tema "Grecia".  Buona visione!    

Il programma completo del Convegno Internazionale "Dante e la Grecia": Nicosia (27 - 28 settembre), Atene (30 settembre), Bari (15 ottobre), Salerno (29 ottobre), Milano (11 novembre), Ravenna (19-20 novembre)

Immagine

Il Convegno Internazionale di Studi sulla Magna Grecia compie 60 anni.

Immagine
Dal 23 al 26 settembre 2021 si svolgerà la 60° edizione del Convegno di Taranto, il più importante e consolidato appuntamento sull'archeologia magnogreca.  La Società Filellenica Italiana si congratula con il Prof. Aldo Siciliano, presidente dell'Istituto  per la Storia e l'Archeologia della Magna Grecia e suo socio onorario, per l'incessante impegno che profonde nel portare avanti questo importantissimo evento.   

Dal 27 luglio al 29 agosto la mostra di Armando Arpaja a Napoli: un amico della Grecia espone sull'antico isolotto di Megaride (Castel dell'Ovo).

Immagine
 

Le prime quattro sessioni del Convegno internazionale "Dante e la Grecia".

Immagine
Il Convegno Internazionale " Dante e la Grecia " è parte del progetto omonimo, approvato dal Comitato Nazionale per le Celebrazioni dei 700 anni della morte di Dante Alighieri . L'iniziativa ha come promotori:  la Società Filellenica Italiana, Ente attuatore, l'ETPbooks di Atene, il Comitato di Atene e quello di Nicosia della Società Dante Alighieri, l'Associazione SEPI di Atene (composta da cittadini greci laureati in Italia), la Lectura Dantis Metelliana, i Dipartimenti di Scienze Umane, Filosofiche e della Formazione e di Studi Umanistici dell'Università di Salerno, nonché il Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università "Aldo Moro" di Bari.  E' stata organizzata in collaborazione e con il sostegno dell' Istituto Italiano di Cultura di Atene .   Gode del patrocinio dell'Ambasciata d'Italia ad Atene, dell'Ambasciata d'Italia a Nicosia, dell'Ambasciata di Grecia a Roma, del Consolato Generale Onorario di Grecia a

Arte filellenica in Italia: il video dell'Istituto Italiano di Cultura di Atene.

Immagine
Segnalo questo video, commissionato dall’Istituto Italiano di Cultura di Atene, diretto dalla brillante dott.ssa Anna Mondavio, e realizzato dall’ETPbooks, editore ateniese specializzato nei rapporti fra Italia e Grecia, in occasione del bicentenario  della Rivoluzione greca e nell'ambito della IV ra ssegna virtuale "LogInItaly" (22.1-16.4.2021). Immagini bellissime e magistralmente descritte, che attestano l'attenzione con cui il mondo culturale italiano seguì la rivoluzione greca, pensando alle ancora tristi e irrisolte vicende della propria Patria.