All'Università della Campania la Filellenica fa il punto sullo stato del patrimonio culturale a Cipro

Un popolo di cui viene distrutto il patrimonio culturale è come un malato di Alzheimer, che non ha più memoria del passato: perde la propria personalità... 
Lodevole, quindi, l'impegno dei Ciprioti per ritrovare e valorizzare il patrimonio defraudato dopo l'invasione turca del 1974: chiese dilaniate o utilizzate come moschee, depositi, pub... affreschi strappati dalle mura e venduti ovunque nel mondo... e insieme lo sforzo quotidiano per ricercare questo patrimonio, ricostruirlo, riportarlo nei luoghi ove per secoli ha definito l'identità del popolo greco - cipriota ...


Grazie a Ioannis Eliades, Direttore del Museo Bizzantino di Cipro, e grazie a Haris Chotzakoglou, Presidente del Centro di Studi Cipriota, per la loro testimonianza e per il loro impegno.








Commenti

Post popolari in questo blog

Il 19 aprile è la festa del filellenismo: l'occasione per un bilancio e per guardare al futuro.

La Filellenica celebra la Giornata della Lingua Greca

Giornate elleniche 2018: il programma del 12 ottobre al Castello Sforzesco di Milano.